Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Indicatore: via la banca. “Nessun amministratore ci ha contattato” Indicatore: via la banca. “Nessun amministratore ci ha contattato” Indicatore: via la banca. “Nessun amministratore ci ha contattato”

“Tanto tuonò che piovve”. Potremmo usare questo antico adagio per descrivere la rabbia dei residenti di Indicatore che ci danno notizia dell'avvenuta dismissione dello sportello bancario nella frazione del comune di Arezzo.
 
La nota pubblica è firmata "Gli abitanti di Indicatore (52100 Arezzo)" come a voler sottolineare che anche questo paese, che appare dimenticato, fa parte del Comune di Arezzo. Erano stati proprio i residenti ad avvisare anche la nostra redazione dello stato di abbandono in cui versa questa popolosa frazione.
“E così anche la Banca se n'è andata, forse era stabilito in qualche somma scrittura di dissacrazione del sociale. E con la Banca se n'è andato anche il rispetto per noi cittadini, ancora in attesa di una risposta dal sindaco di fronte a circa 500 persone che si sono mobilitate per fermare questa nuova ingiustizia."
 
C'è grande amarezza tra i cittadini di Indicatore che avevano lanciato un grido d'allarme nelle scorse settimane e avevano anche effettuato una raccolta firme. “Per terra sono rimasti tutti gli altri problemi denunciati – scrivono - ma da chi si è dimostrato sordo, cieco e muto, nonostante ciò che stava succedendo forse non c'era altro da aspettarsi.
 
Nessun amministratore ha sentito il dovere, almeno civico, di contattarci e chissà a ragione di quale grande strategia. Forse è stato solo il timore che gli chiedessimo gli autografi. Per questo andiamo avanti, convinti che le giuste ragioni alla fine ce la faranno a sconfiggere anche l'evidente disprezzo per la dignità delle persone.”

Sostieni ArezzoTV

980x280 ArezzoTV Spazio