Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Arezzo, dai dati del codice rosa violenze contro le donne in aumento Arezzo, dai dati del codice rosa violenze contro le donne in aumento Arezzo, dai dati del codice rosa violenze contro le donne in aumento

Sono stati 149 i casi di maltrattamento agli adulti da gennaio a settembre 2021, un caso di abuso, 14 di maltrattamenti ai minori, tre di abuso sui minori, per un totale dl 167 casi. Sono i dati Asl in merito alla violenza contro le donne nella settimana in cui in tutta Italia si susseguono iniziative di sensibilizzazione sul tema in vista della giornata mondiale contro la violenza sulle donne che ricorre il prossimo 25 novembre. Il totale delle denunce è nettamente sopra il 2020, l'anno del lockdown, e sotto il precedente del 2019. E vede un'impennata preoccupante nel terzo trimestre dell'anno, specie sul fronte dei maltrattamenti nei confronti delle donne in particolare. Il motivo è probabilmente legato proprio al lockdown, quando le denunce erano calate per la difficoltà di uscire e lamentare gli episodi di violenza. Quest'anno, oltre alla consueta celebrazione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, il 25 novembre, la Asl Toscana sud est ha aderito all'Open week dal 22 al 28 novembre, iniziativa di Onda, Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna, dedicata proprio a questo argomento. Nell'ambito dell'Open week, da lunedì 22 novembre, sulla homepage del sito e sulla pagina Facebook dell'Azienda sarà presente un banner cliccabile che riporta alla pagina del Codice Rosa, con l'intento di mettere in evidenza e d'immediato accesso tutte le informazioni utili per chi subisce un atto di violenza e non sa come orientarsi. E' indubbiamente ai casi sommersi che ci dobbiamo rivolgere e che purtroppo sono ancora tantissimi. Da ricordare che il numero d'emergenza da chiamare il 1522 è riportato da qualche mese anche negli scontrini delle farmacie comunali.


Sostieni ArezzoTV

980x280 ArezzoTV Spazio