Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

La pagina Facebook della Asl Toscana Sud Est che comprende Arezzo, Grosseto e Siena è andata completamente in tilt da ieri: più di 3mila i commenti postati sulla pagina con minacce ed offese ai medici e agli infermieri che si occupano delle vaccinazioni definiti “nazisti”. Antonio D’Urso, direttore generale, ha sporto denuncia alla Polizia Postale di Arezzo in quanto il sistema è rimasto bloccato per alcune ore. Si stanno effettuando controlli anche a It e ai server usati da chi ha intasato il profilo facebook. In molti dei commenti c’è la sigla a doppia V che per gli investigatori si collegherebbe alle organizzazioni “No vax“.

“Esprimiamo piena solidarietà al direttore generale Antonio D’Urso, a tutti i lavoratori della Asl Toscana Sud Est e ai cittadini, che inevitabilmente hanno subito dei disservizi, per il vile attacco informatico subito ad opera di gruppi no-vax”.

Lo affermano i deputati del gruppo parlamentare Coraggio Italia, Stefano Mugnai e Maurizio D’Ettore.

“Ci auguriamo- aggiungono- che la polizia postale faccia al più presto luce su questo caso. Da parte nostra e come Coraggio Italia, saremo sempre dalla parte della scienza, della ricerca, dei vaccini e di tutte quelle donne e uomini da sempre impegnati ad impedire il propagarsi dell’epidemia con il loro lavoro negli ospedali e nelle aziende sanitarie”.


Sostieni ArezzoTV