Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Rifiuti, la risposta di Sei Toscana: "situazione sotto controllo" Rifiuti, la risposta di Sei Toscana: "situazione sotto controllo" Rifiuti, la risposta di Sei Toscana:

“Una situazione tutto sommato sotto controllo, salvo alcuni specifici ed isolati casi oggetto di continuo monitoraggio ed intervento per assicurare il pieno recupero.” Così Sei Toscana risponde alla lettera pervenuta dall’Autorità di Ambito con la quale gli veniva intimati di ripristinare il servizio di raccolta rifiuti. “Purtroppo- si legge- la situazione in alcuni territori può essersi enfatizzata in conseguenza dell’afflusso turistico e delle importanti temperature delle ultime settimane, ma è stata già nostra cura mettere in campo le misure correttive e straordinarie.” Sei Toscana risponde anche alle critiche in merito al ricorso a forme contrattuali flessibili per i lavoratori, ribadendo di operare nel pieno rispetto della normativa, avendo peraltro un dialogo costante ed approfondito con le Organizzazioni sindacali, che ben conoscono la situazione dell’azienda. Purtroppo, si legge nella nota , l’assenza di un Piano d’Ambito a distanza di oltre cinque anni dalla stipula del contratto di servizio, e la conseguente necessità di determinare anno per anno i servizi senza la dovuta prospettiva di medio-lungo periodo, determina un oggettivo ostacolo all’attuazione da parte di Sei Toscana di una politica del personale strutturata e strutturale che sappiamo bene essere uno degli elementi cardine per l’efficienza aziendale. Insomma la palla è rimandata al mittente.