Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Le scritte minacciose all’ingresso della nostra sede sociale non possono essere derubricate come un gesto goliardico o una ragazzata. Rappresentano un gesto grave, vile ed ignobile che nulla ha a che vedere con la tradizionale rivalità di giostra.
Un fatto che pare essere anche il frutto di un ingiustificato clima violento ed intimidatorio messo in atto nei confronti del Quartiere di Porta Sant’Andrea e dei propri giostratori già nel corso della ultima edizione della Giostra e poi alimentato nei giorni immediatamente successivi anche a mezzo di comunicati stampa e dichiarazioni inopportune.
A ciò si aggiunga un ulteriore accadimento, del medesimo tenore, verificatosi questa notte intorno alle ore 22.50 mentre era in corso la riunione del Consiglio Direttivo del Quartiere. Due persone a bordo di un ciclomotore sono passate davanti alla sede di via delle Gagliarde soffermandosi davanti al piazzale dove si trovavano alcuni quartieristi e lasciando cadere a terra un grosso coltello da cucina. I due si sono poi velocemente dati alla fuga. Sul posto è intervenuta una pattuglia della Polizia.
Considerata la gravità dei fatti che si sono susseguiti il Quartiere di Porta Sant’Andrea provvederà a sporgere denuncia presso le autorità competenti a cui sarà fornito ogni elemento utile alla individuazione dei responsabili.
Ci auguriamo che le Autorità preposte con l’auspicato contributo delle dirigenze dei quartieri contribuiscano, finalmente, a distendere il clima creatosi.

Sostieni ArezzoTV