Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Mercoledì 22 giugno 2016 verrà presentata ai Musei Vaticani l’edizione straordinaria della Giostra del Saracino dedicata al Giubileo della Misericordia. È così che la città di Arezzo onorerà l’anno di misericordia indetto dal Santo Padre, disputando una terza Giostra domenica 27 agosto 2016 alle ore 21:30 in Piazza Grande, in aggiunta alle consuete due edizioni di giugno e settembre. L’antico giuoco cavalleresco, che si disputa ad Arezzo dal 1931, rappresenta la festa di popolo più importante e sentita del territorio: è per questo che le istituzioni aretine hanno deciso di dedicare un’edizione in onore del Giubileo della Misericordia, come gesto di devozione. Promotori dell’iniziativa sono il sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli, il vescovo della diocesi di Arezzo-Cortona-Sansepolcro mons. Riccardo Fontana, l’assessore alla Giostra Gianfrancesco Gamurrini, il presidente dell’Istituzione Giostra Franco Scortecci, il primo rettore della Fraternita dei Laici Pier Luigi Rossi.

IL PROGRAMMA

Mercoledì 22 alle ore 9.15 un corteo di 80 figuranti in costume sfilerà in via della Conciliazione fino ad arrivare in piazza San Pietro allo squillo di chiarine, rullo di tamburi e volteggio di bandiere. È sulla scalinata della basilica che alle ore 10 la delegazione di Arezzo farà il suo saluto ufficiale prima dell’Udienza Generale, per poi consegnare al Santo Padre la lancia d’oro, il trofeo della Giostra del Saracino realizzato dallo scultore Ivan Theimer. Una volta impartita la benedizione, saranno i paggetti dei quattro quartieri a porgere a Papa Francesco un mazzo di rose bianche con i fazzoletti di appartenenza e il sindaco donerà una raffigurazione in argento della Madonna del Conforto, protettrice di Arezzo. Saranno regalati, infine, i nuovi palloncini con gli stemmi dei quartieri realizzati da Enzo Scartoni ai bambini malati presenti davanti al sagrato. I figuranti, dopo la cerimonia, faranno poi il loro ingresso nei Giardini Vaticani fino a piazzale Quadrato, sotto la terrazza del Belvedere: qui l’asta sarà collocata in un’apposita teca posta all’interno di uno spazio espositivo volto a promuovere la Giostra del Saracino e la città di Arezzo. Dopo un saggio del Gruppo Sbandieratori seguirà la presentazione alla stampa dell’edizione straordinaria in onore del Giubileo della Misericordia e del suo trofeo: la lancia d’oro di Ivan Theimer.

LE PAROLE DEL PRESIDENTE DELL’ISITITUZIONE GIOSTRA FRANCO SCORTECCI

«La 132esima giostra del saracino sarà dedicata al Giubileo della Misericordia. Il saracino nasce storicamente come rievocazione di una battaglia, ma con il passare dei secoli è diventato un momento che unisce popoli e culture diverse in un pacifico confronto. La misericordia è anche il tema della lancia d'oro, che verrà donata al quartiere vincitore, realizzata straordinariamente per questa edizione dallo scultore ceco Ivan Theimer. La lancia un tempo strumento di guerra assume un nuovo significato, diventa un simbolo di pace. Con questo mercoledì 22 giugno ci dirigeremo in piazza San Pietro dove la lancia, accompagnata da una delegazione di figuranti del Saracino, riceverà la benedizione di Papa Francesco. Inoltre il trofeo realizzato da Theimer verrà esposto all'interno dei musei vaticani per 2 mesi, in uno spazio appositamente creato per noi. Questo ambizioso progetto è costato mesi di lavoro, ma non potremmo essere più soddisfatti. Le istituzioni insieme ai privati si sono mossi in modo compatto per fare si che questa idea potesse diventare realtà. Speriamo in questo modo di far conoscere al mondo le meraviglie della nostra città e la bellezza della Giostra del Saracino