Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

"E' Giostra". L'Araldo della Giostra del Saracino ha dato lettura questa mattina del Bando di fronte alla Basilica della Pieve di Santa Maria, in pieno centro storico ad Arezzo. Qui è terminata la prima cerimonia in attesa di veder uscire dalle sedi dei quartieri le compagini dirette in Piazza Grande alla conquista della lancia d’oro. 
La 131esima edizione della Giostra si appresta ad entrare nel vivo con i colpi di mortaio che scandiscono gli appuntamenti e l'attesa prima di scendere in piazza dove i giostratori dei quattro quartieri si contenderanno la lancia d'oro.

Ecco il programma della 131esima edizione della Giosta del Saracino dedicata a Giuseppe Pietri:
Ore 19,00 - Terzo colpo di mortaio. Benedizione dei Giostratori e degli armati dei Quartieri: Porta Crucifera, Chiesa di Santa Croce - Porta del Foro, Chiesa di San Domenico - Porta S. Andrea : Chiesa di S. Agostino - Porta S. Spirito, Chiesa di S.Antonio (Saione).
Ore 19,30 - Assembramento dei figuranti in Piazza S. Domenico
Ore 20,00 - Quarto colpo di mortaio. Inizio del corteo per raggiungere il Duomo percorrendo Via Sassoverde e Via Ricasoli.
Ore 20,15 - Benedizione impartita dal Vescovo sul sagrato del Duomo, accompagnato dalle insegne guerriere trecentesche del vescovo Guido Tarlati.
Ore 20,30 - Sfilata del corteo storico per raggiungere Piazza Grande, percorrendo Via Ricasoli, Via dei Pileati, Corso Italia, Via Roma, Piazza G. Monaco, Via G. Monaco, Piazza S. Francesco, Via Cavour, Via Mazzini, Via Borgunto.
Ore 21,30 - Quinto colpo di mortaio. Ingresso in Piazza Grande degli Sbandieratori della Giostra e loro esibizione; Ingresso del corteo storico, al suono di trombe e rullo di tamburi:
- Ingresso dei gonfaloni con gli emblemi della Città, del Comune, del Popolo di Arezzo e di quelli di parte Guelfa e Ghibellina
- Ingresso degli armati dei Quartieri e degli otto giostratori;
- Ingresso dei cavalieri di Casata, rappresentanti l'antica nobiltà e loro schieramento sulla lizza;
- Lettura della disfida di Buratto da parte dell'Araldo. Saluto degli Armati al grido di Arezzo. - Esecuzione dell'Inno del Saracino da parte dei Musici.

Sostieni ArezzoTV