Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

La 19esima edizione del concorso “Lancia d’Oro”, ideato per la realizzazione dell’impugnatura dei trofei della Giostra, quest’anno vede un solo vincitore. La commissione esaminatrice, riunitasi nella giornata di ieri nella sede dell’Istituzione Giostra, ha scelto per l’edizione del 4 settembre il bozzetto di Roberto Felici, opera che ha prevalso sulle 18 presentante e che sarà la base per la Lancia d’Oro dedicata al Beato Gregorio X, co-patrono della città di Arezzo, nella 133esima edizione della Giostra.
Bozzetto di Roberto FeliciLa commissione, composta dal Sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli, dal consulente storico della Giostra del Saracino Luca Berti, dal maestro intagliatore Francesco Conti e dei quattro rappresentanti dei quartieri Federico Biagiotti (Porta Crucifera), Zanobi Bigazzi (Porta Santo Spirito), Alessandro Dragoni (Porta del Foro) e Maria Chiara Gamurrini (Porta Sant’Andrea), ha deciso di non proclamare alcun vincitore per l’edizione di giugno dedicata a Giuseppe Pietri, compositore di “Terra d’Arezzo”; nessuno dei 19 bozzetti presentati, infatti, è stato ritenuto adeguato. A maggioranza la Commissione ha così stabilito che la realizzazione dell’elsa della 131esima edizione sarà di pugno del maestro intagliatore Francesco Conti, come avveniva dal 1979 al 1997.
Tra le opere presentate per l’edizione di settembre la giuria ha segnalato quelli di Desirè Pasini, Giuliano Censini e G. Carlo Monteleone. Non è stato evidenziato alcun bozzetto, invece, tra i 19 dell’edizione di giugno, di cui uno pervenuto dopo il termine ultimo di consegna fissato al 2 maggio.

Biografia del vincitore

Dott. Arch. Roberto Felici, nato ad Arezzo il 23/11/1968. Ha conseguito la Laurea in Architettura presso l’Università Roberto Felicidegli studi di Firenze, Facoltà di Architettura il giorno 11/11/1994 con la votazione di 110 e lode discutendo una tesi di Restauro Urbano. E’ stato abilitato alla professione di architetto nella sessione del Novembre 1995. E’ iscritto all’Ordine degli Architetti PPC della Provincia di Arezzo dal 18/03/1996 con il numero 422. E’ attualmente consigliere dell’Ordine degli Architetti PPC di Arezzo e ricopre la carica di Vice Presidente. Svolge l’attività di libero professionista all’interno dello studio FFD associati. Lo studio opera nel campo della progettazione architettonica e del design in molti campi di applicazione, compresa la partecipazione a numerosi concorsi di progettazione. E’ da sempre un grande appassionato della Giostra del Saracino, ha ricoperto per un triennio il ruolo di Consigliere all’interno del Quartiere di Porta del Foro del quale il padre Giancarlo è stato Rettore per un ventennio.

Sostieni ArezzoTV