Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Si è tenuta in Questura ad Arezzo la consueta riunione operativa prima della prova generale e della Giostra del Saracino. Presenti tutti i vertici delle forze dell'ordine e della polizia municipale, assieme al maestro di campo Dario Bonini, ai rettori e ai capitani dei quartieri, al rappresentante del gruppo Musici, al coordinatore di regia Andrea Biagiotti e ai rappresentanti dell'Istituzione Giostra del Saracino, Silvana Chianucci ed Enrico Meacci. Durante l'incontro è stato deciso di non fare entrare in piazza materiali che nulla hanno a che vedere con la tradizione e con il folclore tipico della manifestazione. Quindi nessuna deroga per petardi, fumogeni, trombe e bandiere di dimensioni sopra al metro di lunghezza. Non saranno permessi neppure gli ombrelli dal manico lungo. Tutto questo perchÁ© la festa della città si svolga senza eccessi. Pienamente ammessi foulard, sciarpe e pon pon con i colori dei quartieri. Dalla Questura è stato rivolto un invito ai rettori affinchÁ© vigilino a che i quartieristi partecipino alle cene propiziatorie con consapevolezza e responsabilità. L'incontro si è concluso con l'augurio del vicario del Questore, Teseo de Santis, ad assistere a un bello spettacolo.