Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Si è svolta ieri sera, venerdì 19 febbraio, l'Assemblea del Quartiere di Porta Sant'Andrea. L'esame degli argomenti all'ordine del giorno è stato praticamente una formalità: l'assemblea è iniziata alle 21.45 e le votazioni sono terminate alle 22.20, poi fino alle 23.15 dibattito libero.
I circa ottanta soci presenti hanno approvato tutto all'unanimità: la relazione morale del Consiglio, che ha trattato punto per punto tutti i principali avvenimenti dell'anno appena trascorso, poi il rendiconto e il Bilancio 2015, infine la relazione del Collegio dei Sindaci revisori.
L'assemblea ha poi stabilito la quota sociale annua: su proposta del direttivo dopo molti anni la quota tessera per i soci ordinari è stata aumentata a venti euro, confermata invece la quota per i minori di sedici anni a cinque euro, a quella di cento euro per i soci sostenitori. La delibera è stata approvata con un solo voto contrario e quattro astenuti.
Molto apprezzata anche la relazione del Comitato Giovanile, letta dalla presidente uscente Gaia Guerri.
Dopo l'esame delle relazioni si è aperto un dibattito libero che ha visto l'intervento di alcuni soci sull'ipotesi di una terza Giostra straordinaria. Dagli interventi sono emerse perplessità circa le motivazioni addotte e per la ipotetica data ad oggi prevista.