Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

La Giostra del Saracino, la manifestazione più cara agli aretini, non si esaurisce nelle edizioni di giugno e settembre. È qualcosa di vivo tutto l’anno grazie alle attività dei quartieri e dei gruppi come i Musici. Stefano Ricciarini, nipote di Eros Ricciarini, storico componente e vice-presidente del gruppo fino al 2005, anno in cui è prematuramente scomparso, è stato premiato come “miglior tamburino” alla prima edizione dell’Agone dell’olmo, rievocazione di Vignanello, in provincia di Viterbo. L’esibizione dei Musici, con i brani più significativi del repertorio, fra i quali Terra d’Arezzo, Inno alla gioia e la Marcia trionfale dell’Aida, ha portato a questo riconoscimento per il quale mi complimento a nome dell’intera amministrazione. Che continuerà a lavorare per il rilancio della Giostra grazie al contributo di tutte le sue componenti.