Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

E' finita alle 19:50 un'interminabile edizione della Giostra del Saracino che si è corsa in Piazza Grande ad Arezzo, la numero 130.

La lancia d'oro è andata al quartiere di Porta Sant'Andrea e con questa fanno 35. L'eroe della piazza è Enrico Vedovini che marca il 5 dall'inizio fino al termine della Giostra, in tutto saranno 4 e la lancia finisce in casa bianco verde, ma solo dopo ben tre carriere di spareggio. 

I quattro quartieri sfidavano il Buratto nel seguente ordine: 
Porta Sant’Andrea (Vedovini-Cherici)
Porta Santo Spirito (Cicerchia-Scortecci)
Porta del Foto (Vernaccini-Carboni)
Porta Crucifera (Fardelli-Vannozzi)
Vedovini per Porta Crucifera apre subito con un 5, risponde Gian Maria Scortecci per Porta S.Spirito con un altro bellissimo 5. Porta del Foro fa correre Giostra a Vernaccini che porta a casa un 4. Porta Crucifera chiude le prime carriere con il primo colpo di scena della serata. Vannozzi parte, ma la carriera è disturbata e così il Maestro di Campo la fa ripetere. Il punteggio sarà un 4.

E' nelle seconde carriere che si delinea lo spareggio. 
Porta S.Andrea con Cherici marca un 4, lo stesso Porta Santo Spirito con Cicerchia, ma a stupire stavolta è porta del Foro con Andrea Carboni, un giovane, che marca il suo primo e centratissimo 5. Porta Crucifera, invece, con Fardelli marca un 4 e per loro la Giostra è finita. 
Il sogno per Porta del Foro di tornare a vincere dopo tanto tempo dura davvero troppo poco.
Nelle prime carriere di spareggio Vedovini torna a marcare un 5, ormai per lui sembra una passeggiata. Porta del Foro con Carboni si ferma al 2, ma i cavalieri escono comunque tra gli applausi dei loro sostenitori. 


Porta Santo Spirito con Elia Cicerchia centra un 5 e la guerra tra i "gladiatori della piazza" ha inizio.
Vedovini e Cicerchia marcano per due volte il punteggio pieno. Alla terza carriera di spareggio Porta S.Andrea con Vedovini porta a casa l'ennesimo 5 e stavolta sarà quello della vittoria perchè invece Elia Cicerchia arriva solo al 2.
L'esperienza vince, ma anche Porta Santo Spirito può uscire a testa alta da Piazza Grande.
Porta S.Andrea porta a casa la sua 35° lancia d'oro consegnata direttamnte dal sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli.
La Giostra dà appuntamento al prossimo giugno 2016.