Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Il sindaco Alessandro Ghinelli e l’assessore Gianfrancesco Gamurrini lo avevano già anticipato. E l’impegno è stato mantenuto. Infatti, il numero dei posti che fino alla scorsa edizione della Giostra del Saracino era riservato agli ospiti del sindaco è stato dimezzato. “Si tratta delle poltroncine dietro alla fila dove siedono le autorità. Posti che abbiamo deciso di mettere in vendita a 80 euro ciascuno. Per saracinol’acquisto la priorità verrà data a coloro che fino ad ora ne avevano usufruito gratuitamente. Se dovessero rimanere biglietti a disposizione potranno essere comprati, da chiunque sia interessato, presso la biglietteria di via Bicchieraia –spiega l’assessore Gamurrini – l’intenzione, per il 2016, è quella di aumentare ulteriormente i posti a disposizione”.
Un’iniziativa che va a braccetto con l’idea di realizzare un’altra tribuna, già per il prossimo anno: “in ogni edizione molte persone non riescono ad acquistare i biglietti per assistere alla Giostra dalle tribune, perché i posti sono sempre minori rispetto all’enorme richiesta che ne viene fatta. – precisa ancora l’assessore - Quindi, ci troviamo di fronte alla necessità di realizzare ulteriori spazi per consentire, a chi lo desidera, di seguire la manifestazione dalla piazza e da una posizione, non solo ottimale, ma anche comoda”. Inoltre, questa edizione di settembre della Giostra verrà trasmessa in diretta da Tv 2000, l’emittente televisiva della Cei. Queste le novità più importanti emerse dal Cda dell’Istituzione Giostra che si è svolto ieri mattina. “Ho anche proposto di iniziare a valutare la realizzazione di una festa medievale, che si svolga la seconda quindicina di luglio, snodandosi in tutto il centro storico fin dentro la Fortezza, e coinvolga insieme al Comune anche quartieri e associazioni di categoria” conclude Gamurrini.