Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

L’ultima volta che l’Arezzo aveva festeggiato in Piazza Grande si celebrava il ritorno in B nel 2004. Quella stessa piazza si è di nuovo tinta di amaranto per celebrare qualcosa di più di un campionato: la salvezza dentro e fuori dal campo. Tutto lo staff della nuova società al gran completo, una immensa tifoseria, gli sponsor, il sindaco e la giunta, e poi loro: Pavanel e quegli eroi sportivi capaci di una vera e propria impresa. Intanto l’organigramma per le poltrone che contano è fatto: Ermanno Pieroni direttore generale ed Emiliano Testini ds. Il presidente La Cava ha le idee chiare: "Nel nuovo Arezzo i conti devono quadrare e deve essere una società normale e sana". Una squadra che sarà composta probabilmente da un mix di giovani e meno giovani. La Cava definisce una cosa "all'italiana" l'introduzione delle squadre B, catalputate all'improvviso di punto in bianco.
E tra i quesiti ridondanti dei prossimi giorni ci sarà sempre quello: Pavanel resterà all’Arezzo? Pieroni lo ha incontrato ed ha avuto un colloquio con lui di 3 ore. Peserà molto nella sua decisione la questione del possibile avvicinamento alla sua famiglia.


Sostieni ArezzoTV