Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

La Cava provvede ai pagamenti: “attivo di mercato finito da un bel pezzo”. Novità nell'organigramma La Cava provvede ai pagamenti: “attivo di mercato finito da un bel pezzo”. Novità nell'organigramma La Cava provvede ai pagamenti: “attivo di mercato finito da un bel pezzo”. Novità nell'organigramma

Qualche irrazionale timore girava in città da qualche giorno ma è lo stesso presidente dell'Arezzo Giorgio La Cava a confermarci di avere avviato proprio nella giornata di giovedì le procedure per tutti i pagamenti previsti dalla scadenza del 17 febbraio, la prima di due date da segnare in rosso sul calendario. L'altra sarà a marzo e sarà di poco superiore. Il presidente amaranto a cui sono arrivate le voci di timori relativi al rispetto delle scadenze, si è detto deluso da questo clima di sfiducia. “E' proprio vero – ha detto – che Arezzo fa passare con il tempo l'entusiasmo, come mi aveva detto qualcuno all'inizio della mia avventura. Comunque non è un problema, è una mia società e ci mancherebbe che non rispetti le scadenze. Strano che quando i bonifici arrivavano in passato da Londra o da chissà dove nessuno si faceva problemi ed ora che arrivano dall'Italia tutta questa diffidenza. Sono sicuro che il 17 arriveranno sorprese da altre piazze su mancati pagamenti. La Cava precisa anche il famoso attivo di mercato di cui aveva parlato Pieroni nella conferenza stampa di settembre è finito da un pezzo. “Altro che coperti fino a marzo, sono circa quattro mesi che è finito, lo dimostrano i continui finanziamenti che ho messo”. Il presidente amaranto preferisce non commentare ulteriormente le voci di trattative per la cessione della società. Tra le righe si percepisce però che tutto sia in stand-by e che traspare ancora una volta un po' di delusione per l'atteggiamento degli interlocutori che si presentano. Infine trova conferma dallo stesso presidente una variazione all'interno dell'organigramma: Pieroni è passato dalla carica di direttore generale a quella di vicepresidente per l'area sportiva. Una modifica che secondo La Cava non ha alcuna importanza: "Ermanno è stato bravissimo a cedere tutti quei giocatori a fine mercato in pochi ci avrebbero creduto. Pensiamo piuttosto a vincere a Busto Arsizio, sono sempre convinto che l'Arezzo farà un grande girone di ritorno”.


Sostieni ArezzoTV