Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Arezzo, troppo turnover e squadra senz'anima: Siena vince facile il derby di Coppa Arezzo, troppo turnover e squadra senz'anima: Siena vince facile il derby di Coppa Arezzo, troppo turnover e squadra senz'anima: Siena vince  facile il derby di Coppa

Troppo turnover per un derby molto sentito come quello di Siena e in una competizione che in caso di vittoria consente di avere un sensibile sconto nel cammino play-off (sempre che l'obiettivo sia sempre quello). Di Donato presenta un Arezzo inedito a centrocampo facendo giocare dall'inizio Raja, Sbarzella, Piu, Rolando e Corrado. In avanti Mesina e Cheddira. Tra i pali Pissardo (sarà squalificato domenica contro l'Olbia), mentre in difesa la scelta ricade su Ceccarelli, Borghini e Nolan. Anche nel Siena c'è turnover ma non mancano elementi di primo piano come Polidori, Vassallo, Varga, D'Auria. Il Siena controlla la partita senza grandi patimenti, le iniziative dell'Arezzo sono piuttosto vaghe e confusionarie. Al 27' vantaggio bianconero di D'Auria su assist di Vassallo. Nella ripresa il raddoppio dell'ex Polidori. Qualche scossone prova a darlo Caso entrando dalla panchina ma è troppo tardi. Il Siena va agli ottavi dove affronterà il Teramo. Delusione tra i tifosi amaranto che in gran parte si sono sentiti traditi da scelte e prestazione, apparse non in linea con il loro affetto e sacrificio.