Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Fair Play, etica e sport: consegnate ad Arezzo le borse di studio 2019 Fair Play, etica e sport: consegnate ad Arezzo le borse di studio 2019 Fair Play, etica e sport: consegnate ad Arezzo le borse di studio 2019

Lotta al bullismo, fair play, etica e pace. Queste le tematiche protagoniste della decima edizione del Concorso Borse di Studio “Fair Play, etica e sport” indetto dall’Associazione “Premio Internazionale Fair Play Mecenate” in collaborazione con l'Ufficio scolastico provinciale di Arezzo. Un’occasione per coinvolgere ed educare le scuole di ogni ordine e grado del territorio invitando i giovani d’oggi a riflettere sui valori che, da sempre, animano le iniziative del Premio Fair Play. La cerimonia di premiazione, svoltasi questa mattina nella splendida cornice della Sala dei Grandi della Provincia di Arezzo, ha rappresentato anche quest’anno il primo step verso la XXIII edizione del Premio Internazionale Fair Play – Menarini, la tre giorni dedicata ai big dello sport italiano ed internazionale diventata ormai uno degli appuntamenti clou dell’estate aretina (2,3,4 luglio a Castiglion Fiorentino).

“E’ un onore per la Provincia ospitare in Sala dei Grandi bambini e ragazzi che, grazie al Premio Fair Play-Menarini, imparano a credere ad un progetto legato allo sport e alla professione di valori importanti – spiega la presidente della Provincia di Arezzo Silvia Chiassai.-  Ogni anno con il premio apriamo il nostro territorio a campioni di fama internazionale, ma un’iniziativa dedicata alle nuove generazioni, come questa delle borse di studio, ci permette di e trasmettere ideali utili non soltanto in ambito sportivo, ma anche nella quotidianità”.

Una partecipazione a dir poco sorprendente è stata registrata anche nell’ambito del Contest “L’Essenza del Fair Play” giunto quest’anno alla sua quarta edizione ed intitolato “Mai più bullismo”.  Rivolto agli studenti degli istituti superiori, il contest si è configurato come una gara tra video capaci di rappresentare i messaggi di rispetto e sana competizione alla base della mission del premio.

Nel corso della cerimonia, è stato inoltre ufficializzato il vincitore del Premio speciale “Studio e sport” ideato in collaborazione con il Centro Sportivo delle Fiamme Gialle. Ad aggiudicarselo Caterina Ceccarelli, giovane nuotatrice iscritta nella classe 1°K del Liceo scientifico “Francesco Redi” di Arezzo. Grazie alla sua buona media scolastica e agli ottimi risultati agonistici conquistati, Caterina verrà premiata la sera del 4 luglio a Castiglion Fiorentino insieme a tanti campioni del panorama mondiale ed avrà la possibilità di trascorrere un weekend presso il Centro Sportivo delle Fiamme Gialle per allenarsi con i suoi più prestigiosi atleti. 

“Con questa cerimonia di consegna prende ufficialmente il via l’edizione 2019 del Premio Fair Play- Menarini – dichiarano gli organizzatori Angelo Morelli e Chiara Fatai -Con un pizzico di orgoglio possiamo dire che vedere così tanti giovani partecipare a questo concorso esprimendo, attraverso i loro lavori, idee sempre nuove e brillanti, ci riempie di soddisfazione. È per le nuove generazioni che il premio ha senso di esistere: proprio a queste devono arrivare messaggi positivi di lealtà e di correttezza per una società migliore”.