Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

L'Arezzo cade in casa nella miglior partita: 2-3 con il Pisa, serve un'impresa nel ritorno L'Arezzo cade in casa nella miglior partita: 2-3 con il Pisa, serve un'impresa nel ritorno L'Arezzo cade in casa nella miglior partita: 2-3 con il Pisa, serve un'impresa nel ritorno

Nella sua miglior partita l'Arezzo perde l'imbattibilità interna, lunga 23 partite: l'ultimo ko risaliva addirittura al 17 aprile 2018 contro il Monza. Gli amaranto con sette diffidati in campo giocano subito con grande intensità, dall'altra parte D'Angelo si prende il lusso di tenere in panchina Moscardelli e Pesenti. Marconi insacca su assist di Di Quinzio ed il Pisa passa. L'Arezzo reagisce e va al riposo sull'1-1 grazie a Cutolo che insacca la corta respinta di Gori sul tiro di Serrotti. Nella ripresa montagne russe di emozioni: pronti via e segna Brunori, 2-1, quarto gol in questi play-off. Poco dopo però il Pisa ribalta tutto: prima Masucci si prende un rigore per un intervento di Pinto, trasformato ancora da Marconi. Poi Di Quinzio viene pescato al limite,evita Luciani e batte Pelagotti per il 2-3. Non sarebbe finita perché Brunori viene messo giù in area. Dal dischetto Cutolo si fa però parare il rigore del possibile 3-3. Vince il Pisa che sigilla la qualificazione anche se nell'epoca delle rimonte incredibili tutto potrebbe essere ancora possibile.