Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Si sarebbe costituito spontaneamente presso la Questura di Arezzo, anche l’ultimo dei latitanti della baby gang “Famiglia Montana”, smantellata dalla Polizia di Stato ad Arezzo e che aveva portato a dieci arresti. Il primo a finire in carcere, adesso si trova ai domiciliari, era stato il capo lo scorso marzo. Il cantante trap che si faceva appunto chiamare “Montana”, come un noto personaggio di “Scarface”, aveva messo in piedi una vera e propria banda di giovani e giovanissimi che nel 2021 aveva seminato il panico tra i ragazzini. Almeno quindici gli episodi di cui si sono resi responsabili. Le accuse vanno dalla rapina, all'aggressione per futili motivi, minacce aggravate con l’uso di armi, coltelli, tirapugni e colli di bottiglia. Uno dei componenti che ancora risultava latitante si è consegnato spontaneamente alle forze dell'ordine. Secondo gli inquirenti si tratta di un giovane ben inserito nel gruppo. Il Gip ha disposto la custodia cautelare in carcere.