Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

E’ tornato a casa il paziente affetto da vaiolo delle scimmie, ricoverato all’ospedale San Donato di Arezzo.
L’uomo è in buone condizioni e per sette giorni resterà in isolamento domiciliare
A darne notizia è la direzione del reparto di malattie infettive dell’Ospedale San Donato di Arezzo. Il paziente di 32 anni di Arezzo, rientrato da una vacanza alle isole Canarie, era risultato positivo al vaiolo delle scimmie il giorno 20 maggio scorso, dopo un ricovero durato 11 giorni, è rientrato al proprio domicilio.
E' in buone condizioni di salute e durante la degenza non ha avuto complicanze.
A scopo precauzionale è stato dimesso con indicazione a isolamento domiciliare la cui durata sarà valutata al successivo controllo clinico, previsto tra sette giorni.
L'isolamento domiciliare è una procedura prevista nei protocolli di molte malattie infettive, allorquando il paziente non presenta complicanze che necessitano di ospedalizzazione. E’ prevista ad esempio per le malattie esantematiche, per la tubercolosi (una volta iniziato il trattamento) e altro ancora.
Gli specialisti di Malattie Infettive saranno sempre in contatto con il paziente per verificare lo stato di salute e la progressiva caduta delle croste, segnale del termine della contagiosità.