Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

E' scomparso a soli 66 anni Fabrizio Beoni, architetto, storico dirigente del Comune di Arezzo da qualche anno andato in pensione.

La notizia è stata data durante la seduta del consiglio comunale.

Per 40 anni ha lavorato all'interno del Comune di Arezzo, soprattutto prestando la sua professionalità come dirigente dell'ufficio urbanistica. Era entrato in servizio nel 1976 per poi andare in pensione nel 2016.

Tanti i messaggi di cordoglio.

Il sindaco di Civitella, Andrea Tavarnesi, "a nome di tutta l’amministrazione comunale, esprime profondo cordoglio e partecipa al dolore per la scomparsa dell’Architetto Fabrizio Beoni. Assessore all’Edilizia e Urbanistica del Comune di Civitella in Val di Chiana dal 1993 al 2001 nella Giunta del sindaco Gilberto Dindalini, Fabrizio Beoni, si è sempre distinto per competenza, passione e spirito di servizio facendosi apprezzare dalla nostra comunità grazie alle sue particolari doti umane. Rimane di lui un ricordo carico di gratitudine per l’impegno profuso costantemente con grande professionalità e abnegazione".

Il messaggio dei gruppi consiliari Pd e Arezzo 2020 "esprimiamo cordoglio per la scomparsa di Fabrizio Beoni, dipendente e dirigente del Comune di Arezzo da alcuni anni in pensione. Fabrizio ha ricoperto, oltre a ruoli politici in Comuni della provincia, incarichi importanti nell’ambito dell’amministrazione comunale: dal servizio edilizia fino alla polizia municipale, si è sempre contraddistinto per grande competenza e dedizione al lavoro. Alla famiglia vanno le mostre più sentite condoglianze. Il minuto di raccoglimento del consiglio comunale da noi proposto non appena ricevuta la notizia è stato il giusto omaggio".