Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Monterchi, obbligo trovare la giusta collocazione Sulla Madonna del Parto di Piero della Francesca Monterchi, obbligo trovare la giusta collocazione Sulla Madonna del Parto di Piero della Francesca Monterchi, obbligo trovare la giusta collocazione Sulla Madonna del Parto di Piero della Francesca

Sulla Madonna del Parto di Piero della Francesca, va trovata giusta collocazione ascoltando il comune di Monterchi.
Questa in sostanza la risposta del Ministero all'interrogazione dei deputati di Coraggio Italia Stefano Mugnai, Maurizio D’Ettore e Simona Vietina che in un question time in commissione Cultura a Montecitorio hanno chiesto al Governo un tavolo tra gli Enti preposti e il Comune di Monterchi per trovare una collocazione definitiva per l’affresco che potesse valorizzare l’opera.


“Bene - affermano - che il ministero della Cultura, attraverso il sottosegretario Lucia Borgonzoni, abbia assicurato l’apertura di un percorso di condivisione tra il dicastero stesso, il Comune di Monterchi, la Soprintendenza competente e la Regione Toscana al fine di individuare una soluzione esaustiva in merito all’ubicazione dell’affresco della ‘Madonna del Parto’ di Piero della Francesca. Meno bene quando il sottosegretario comunica la volontà di cambiare la posizione dell’opera, per riportarla, eventualmente, alla cappella cimiteriale del comune di Monterchi”.


“Per stessa ammissione del Sottosegretario la cappella in questione infatti- aggiungono i tre parlamentari - non è adeguata ad ospitare un’opera del genere e probabilmente, aggiungiamo noi, non lo sarà mai, neanche dopo i lavori di ristrutturazione. Lavori che ad oggi nessuno sa chi debba realmente svolgere. Il modo migliore per valorizzare ‘la Madonna del Parto’ sarebbe tenerla dov’è: e cioè nel museo in cui è conservata adesso, in una teca dotata di microclima e luce a fibra ottica”.


980x280 ArezzoTV Spazio