Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Nell'anno del 25esimo anniversario ritorna il Carnevale dei figli di Bocco Nell'anno del 25esimo anniversario ritorna il Carnevale dei figli di Bocco Nell'anno del 25esimo anniversario ritorna il Carnevale dei figli di Bocco

Il Carnevale dei figli di Bocco non ha voluto rinunciare all'uscita del 2022, l'anno in cui si festeggiano i 25anni di questa splendida manifestazione. A febbraio per il covid e lo scorso 24 aprile per il maltempo, le uscite erano state annullate, ma in questo primi maggio in cui Giove Pluvio ha comunque fatto un po' di bizze, le maschere sono uscite.
Il centro storico di Castiglion Fibocchi, dunque, ha accolto le maschere ed in visitatori. Una manifestazione di fondamentale importanza per il borgo aretino, visto che coinvolge direttamente 300 persone sul totale di poco più di 2mila abitanti. Un Carnevale storico, insomma, particolarmente apprezzato che regala suggestioni e scorci bellissimi in ogni angolo del borgo toscano.
Presenti anche gli sbandieratori della città di Arezzo.
Tanti i fotografi che hanno voluto immortalare queste bellissime maschere in occasione del concorso fotografico indetto dal foto club “La Chimera” in collaborazione con “Foto Ottica Franchini” e Arezzo TV. Le foto da inviare per il concorso potranno riguardare anche le edizioni passate. I lavori potranno essere inviati tramite mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Con causale concorso fotografico 2022 dal 24 aprile al 10 maggio 2022
Tutte le informazioni per partecipare le trovi su www.Carnevalefiglidibocco.it alla sezione “concorso fotografico”.
Alla fine a vincere tra le maschere è “Amarcord”, ma la vittoria più bella è stata quella di riprendersi uno spazio che da due anni era stata occupato dalla pandemia.