Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Arezzo, il nuovo questore: “nessuno collegamento tra Tik Tok e l'incidente del 14enne. Impegno per disagio giovanile e violenza di genere." Arezzo, il nuovo questore: “nessuno collegamento tra Tik Tok e l'incidente del 14enne. Impegno per disagio giovanile e violenza di genere." Arezzo, il nuovo questore: “nessuno collegamento tra Tik Tok e l'incidente del 14enne. Impegno per disagio giovanile e violenza di genere.

Il nuovo questore di Arezzo Maria Luisa Di Lorenzo conferma che non ci sarebbero, per il momento, collegamenti tra le sfide di Tik Tok ed il grave incidente domestico che ha visto come vittima un 14enne aretino. Il ragazzo il giorno di Pasqua è rimasto ustionato nel 50% del corpo mentre stava maneggiando in giardino fiammerai e alcool.
La notizia è stata diffusa a margine della conferenza stampa di presentazione del nuovo questore di Arezzo, per la prima volta una donna, che si è svolta questa mattina.


Proprio la lotta al disagio giovanile e alla violenza dei genere, ha detto il questore, “saranno tra i miei principali impegni. Per quanto concerne il caso del 14enne, al momento non ci sono collegamenti tra quanto accaduto e le sfide su Tik Tok. Questo non significa che il nostro impegno verrà meno per evitare che questi episodi possano accadere. La violenza di genere – prosegue Di Lorenzo – c'è ed è un dato che riscontriamo sia dai numeri forniti dal Viminale sia dalla mia esperienza alla guida della questura di Rieti, precedente a questo impegno. A noi sta farli emergere. Vorrò, anzi pretenderò una polizia accogliente.”

Il nuovo questore ha poi parlato di un forte impegno anche sul fronte del contrasto allo spaccio di stupefacenti e alle infiltrazioni mafiose, per le quali il territorio della provincia di Arezzo nel tempo è stato un territorio particolarmente appetibile.
“Anche su questo ci impegneremo particolarmente – ha affermato il questore - con un controllo del territorio che tornerà ad essere più capillare dopo i due anni di pandemia in cui anche il nostro lavoro ha subito delle importanti modifiche.”