Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Bollette: parroco risparmia sul riscaldamento per garantire catechismo e scout Bollette: parroco risparmia sul riscaldamento per garantire catechismo e scout Bollette: parroco risparmia sul riscaldamento per garantire catechismo e scout

“A causa della crisi energetica i riscaldamenti sono inattivi”. Questo il cartello che da due settimane è stato appeso fuori dalla chiesa di S.Marco La Sella, parrocchia nel comune di Arezzo che si trova nella zona di Via Romana. Una delle parrocchie più attive e popolose della città. Il parroco Don Silvano Paggini ha ricevuto un mese fa una prima bolletta da 1.600 euro per il riscaldamento, un costo quasi triplicato rispetto al passato, se a questo aggiungiamo la corrente elettrica “la situazione diventa insostenibile”. Così Don Silvano, che adesso ha anche preso il Covid e si trova in quarantena, ha deciso di spegnere i riscaldamenti nella sua abitazione che condivide con altri due sacerdoti e accedere solo un paio d’ore la sera prima di andare a dormire. Riscaldamento quasi sempre spento anche in chiesa, ma non nei locali dove i ragazzi fanno catechismo e dove si ritrovano gli scout. “Facciamo questo sacrificio per garantire i servizi della nostra parrocchia ai ragazzi del catechismo e agli scuot, chiedo scusa se a volte la chiesa sarà un po’ fredda. La nostra è una parrocchia molto attiva, non voglio che i ragazzi subiscano alcuna conseguenza.” Abbiamo chiesto al parroco come pensa di andare avanti e riuscire a pagare tutto. Le bollette successive sono state anch’esse di oltre 1.000 euro. “Non chiediamo niente a nessuno, abbiamo qualche soldo da parte e per adesso usiamo quelli. Di giorno ci scaldiamo con il fuoco.” Sulla sua positività ci dice : “sto bene, ho solo un po’ di affanno spero al prossimo tampone di risultare negativo.”


980x280 ArezzoTV Spazio