Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

I casi covid in provincia di Arezzo hanno subito un'impennata negli ultimi giorni. Nel giro di 24 ore si è passati da 221 a 820 nuovi positivi. E così Don Alessandro Bernardini, parroco di Ceciliano, Patrignone e Campoluci, frazioni del comune di Arezzo, ha deciso di non impartire la benedizione nelle case dei fedeli, ma di distribuire boccette con dentro l’acqua santa. “Siamo ancora in stato di emergenza almeno fino al 31 di marzo e preferisco preservare i miei parrocchiani. Così ho deciso di preparare le boccette con dentro l’acqua santa” spiega il sacerdote al Corriere di Arezzo.

Le boccette saranno distribuite a partire dalla domenica delle Palme. “Poi continuerò il giovedì santo, la notte di Pasqua e il giorno di Pasqua sarà così per tutte e tre le parrocchie. Una benedizione “fai da te” che era stata adottata da tanti parroci durante i primi mesi della pandemia, ma Don Alessandro non si sottrae al suo compito di pastore. “Se qualche parrocchiano mi chiederà espressamente di benedire la casa, lo farò basta che me lo chieda e io andrò. Per il resto preferisco ancora mantenere le distanze’”. Insieme alle boccette di acqua santa, sarà distribuita anche un'immagine sacra.


980x280 ArezzoTV Spazio