Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Covid: cambiano le regole per l'accesso in ospedale. Visite consentite Covid: cambiano le regole per l'accesso in ospedale. Visite consentite Covid: cambiano le regole per l'accesso in ospedale. Visite consentite

Dopo due anni dall'inizio della pandemia si potrà tornare a far visita ai propri familiari e parenti ricoverati negli ospedali. Da giovedì 10 marzo e fino alla cessazione dello stato di emergenza, sarà consentito l'accesso dei visitatori nei reparti di degenza tramite verifica del green pass e nei tempi stabiliti secondo le disposizioni regionali. 

Nelle strutture ospedaliere e territoriali della Asl Toscana sud est sarà garantito un accesso giornaliero fino a 45 minuti indicativamente nelle fasce orarie dalle ore 12.30 alle 13.30 e dalle 18.30 alle 19.30, orari che però possono variare in base alle necessità delle singole strutture.
L'accesso è consentito ad una persona per volta e per entrare è necessario presentare il green pass “rafforzato” rilasciato dopo la somministrazione della dose di richiamo (booster).


Per coloro che hanno completato il ciclo vaccinale primario (due dosi), oppure hanno il certificato verde successivo all'avvenuta guarigione da Covid-19, l'accesso è possibile se possono attestare in forma cartacea o digitale l'esito negativo di un tampone antigenico o molecolare eseguito nelle 48 ore precedenti.
L’accesso non è, invece, consentito ai visitatori in possesso del semplice green pass base (ottenibile tramite il solo tampone antigenico o molecolare).
Rimangono ferme le raccomandazioni per quanto riguarda il rispetto delle misure primarie di igiene e sicurezza (igiene mani, dispositivi di protezione, distanziamento); e dei dispositivi di protezione individuali, necessari a tutelare il paziente a seconda della sua casistica


980x280 ArezzoTV Spazio