Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

In trasferta dalla Campania ad Arezzo con uniforme della Guardia di Finanza. Arrestato un uomo per possesso di segni distintivi contraffatti, violazione degli obblighi inerenti alla sorveglianza speciale e ricettazione.  Ad intervenire nella giornata di sabato 5 marzo sono stati i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Arezzo, coadiuvati da quelli della Sezione Radiomobile della Compagnia di Arezzo, nell’ambito dei quotidiani servizi di controllo del territorio finalizzati alla prevenzione e repressione delle attività illecite, hanno arrestato un 43/enne campano per possesso di segni distintivi contraffatti, violazione degli obblighi inerenti alla sorveglianza speciale e ricettazione.

Nella tarda mattinata, una pattuglia del Nucleo Investigativo ha notato in via Romana ad Arezzo una donna e due uomini scendere da una autovettura e dirigersi verso un’abitazione; a richiamare l’attenzione dei militari il fatto che uno dei due uomini vestiva l’uniforme della Guardia di Finanza, presentando tuttavia un vistoso tatuaggio sul volto. Ritenendo che la divisa fosse contraffatta e considerata l’anomalia della posizione del tatuaggio, i militari hanno fatto irruzione e sorpreso l’uomo ancora intento a togliersi l’uniforme per cambiarsi con gli abiti civili.  

Sul posto sono state fatte confluire altre pattuglia della Sezione Radiomobile e delle Stazioni di Arezzo e Badia al Pino. Nelle perquisizioni, domiciliare e personali, è stata rinvenuta una pistola scacciacani a salve modello Beretta 92, completa di caricatore estraibile, con canna ostruita e sprovvista del tappo rosso occlusivo, nonché 20 fascette di plastica per cablaggio di colore verde, un rotolo di nastro adesivo da imballo color grigio, un rotolo di nastro segnaletico bianco/rosso, un paio di guanti in lattice antiscivolo ed una patente falsa, il tutto nella disponibilità dell’interessato.

Le tre persone sono state quindi condotte in caserma per l’identificazione, dove è stato appurato che le stesse fossero già note alle Forze dell’ordine per reati contro il patrimonio. In particolare, quello sorpreso con la divisa della Guardia di Finanza, è risultato anche essere sottoposto a Sorveglianza Speciale con obbligo di soggiorno in un comune della Campania per anni 3.L’uniforme della Guardia di Finanza, il documento di guida e tutto il materiale sono stati sequestrati. I Carabinieri invitano tutti i cittadini che recentemente sono stati vittime di reato o sono stati avvicinati da persone qualificatesi come appartenenti alla Forze di Polizia, a presentarsi presso i Comandi dell’Arma per sporgere le relative denunce.


980x280 ArezzoTV Spazio