Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Emanuele Petri entra in Polizia nell'ottobre del 1973 come allievo guardia frequentando la scuola della Polizia di Stato di Trieste. Sovrintendente capo in servizio nella Polizia ferroviaria, il 2 marzo del 2003 si trova con i colleghi Bruno Fortunato e Giovanni Di Fronzo, a svolgere servizio di scorta viaggiatori su un treno regionale sulla tratta ferroviaria Roma-Firenze. Durante una normale operazione di controllo, decide di chiedere i documenti e procedere all'identificazione di due viaggiatori Mario Galesi e Nadia Desdemona Lioce, poi rivelatosi essere i capi delle Nuove Brigate Rosse. Dopo aver esibito documenti falsi, i poliziotti si accorgono delle incongruenze ed i due reagiscono nei loro confronti. Siamo alla stazione di Castiglion Fioretino, tra i poliziotti e i due brigatisti si apre un conflitto a fuoco dove perde la vita Emanuele Petri e Mario Galesi. Nadia Desdemona Lioce si salva, ma verrà arrestata poco dopo. Grazie a questo viene riaperto il processo per la morte di Massimo D'Antona, consulente del Ministero del Lavoro dove Galesi e la Lioce risulteranno i responsabili. Il giorno della sua morte Petri non doveva prestare servizio, ma aveva chiesto un cambio turno per assistere un ex collega dei Carabinieri malato gravemente. Alla sua memoria è stata conferita la medaglia d'oro al valor civile, consegnata alla moglie dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi. Anche il figlio Angelo ha intrapreso la carriera nella Polizia di Stato.


980x280 ArezzoTV Spazio