Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Si è celebrato lo scorso 9 febbraio il Safer Internet Day, ovvero l’appuntamento annuale legato all’utilizzo consapevole e sicuro di internet. Una giornata che unisce oltre 170 paesi in tutto il mondo, per un progetto voluto dalla Commissione Europea nel 2004.

Il motto di quest’anno è stato “Together for a better internet”, insieme per una rete migliore, una linea guida che è stata declinata in tanti modi diversi. Nelle scuole, innanzitutto, dove l’educazione alla cittadinanza digitale e all’utilizzo consapevole dei social sono diventati temi che ormai fanno parte integrante dei programmi didattici, visto che gli under20 risultano tra i più colpiti da fenomeni come il cyberbullismo, il phishing, il grooming e il sexting. “La situazione è grave – spiega il presidente di Telefono Azzurro, Ernesto Caffo - e bisogna intervenire subito. L'utilizzo crescente della tecnologia, cui la pandemia ha costretto i minori in questi mesi, ha purtroppo contribuito a una forte crescita degli abusi online e in generali di pericoli digitali”.

Pericoli digitali che negli ultimi anni si trovano anche su piattaforme che non ti aspetteresti, come quelle del gioco online. Anche se, stando alla ricerca di Generazione Connesse riportata da Gaming Insider negli ultimi anni il tempo trascorso online dai giovani è diminuito: il 42% si collega dalle 5 alle 10 ore al giorno, mentre durante i periodi di lockdown la percentuale toccava vette del 60%. Partner di questa edizione del Safer Internet Day 2022 è stata anche l’EGBA, la European Gaming and Betting Association, ente che ha l’obiettivo proprio di prevenire il gioco d’azzardo problematico e lo sviluppo di uno stile responsabile e sicuro. L’EGBA ha avviato anche una serie di monitoraggi sul codice di condotta per assicurarsi che tutti i paesi si impegnino realmente nelle campagne di comunicazione legate al gioco responsabile.

Anche perché "lo sviluppo tecnologico corre veloce e la pandemia ha addirittura accelerato tale processo. Per questo dobbiamo tenere il passo e assimilare in fretta gli aspetti positivi che ci offre l’universo online trasformandoli in opportunità di studio, di lavoro e di conoscenza dell’altro, imparando allo stesso tempo a riconoscerne le insidie". Parole di Giancarlo Nicosanti, Amministratore Delegato di Unieuro intervenuto alla diretta streaming #CuoriConnessi organizzata insieme alla Polizia di Stato. Una sinergia fondamentale per combattere i rischi di internet e per sviluppare un’etica e una conoscenza della connessione. Un discorso rivolto in particolar modo a chi la rete la utilizza più di tutti: i giovani.


980x280 ArezzoTV Spazio