Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Sono tre i fronti su cui la Caritas diocesana di Arezzo si è attivata per il popolo ucraino. Per chi volesse donare offerte in denaro è possibile fare un bonifico sul conto intestato a /Diocesi di Arezzo-Cortona-Sansepolcro emergenza rifugiati ucraini /presso BPER Banca (corso Italia, 179 – Arezzo) IBAN//IT16J0538714102000003557249, oppure in contanti direttamente presso la segreteria generale della Curia vescovile (piazza Duomo, 1 – Arezzo).

Il secondo fronte è quello della raccolta di vari generi di prima necessità. Sono richiesti: sacchi a pelo, asciugamani e coperte (imbustati), alimenti non deperibili (es. snack energetici, pasta, riso, salumi), detersivi e prodotti per l’igiene personale e per i neonati, prodotti per l’infanzia(es. pannolini, omogeneizzati, latte in polvere, prodotti in igiene). Centro di raccolta sono presso la Caritas diocesana di  via Fonte Veneziana, 19 (Arezzo) oppure le Caritas parrocchiali. Infine l'ospitalità dei profughi. Chi desidera aderire, offrendo opportunità di alloggio, può mettersi in contatto direttamente con la Caritas diocesana che risponde allo 0575 354769. 


980x280 ArezzoTV Spazio