Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Crac Etruria, udienza per le "consulenze d'oro". La deposizione di Barbagallo Crac Etruria, udienza per le "consulenze d'oro". La deposizione di Barbagallo Crac Etruria, udienza per le

Nuova udienza al processo sulle “consulenze d'oro” uno dei filoni di inchiesta aperti sul crac di Banca Etruria.

Secondo la procura sarebbero stati spesi circa 4 milioni e mezzo di euro in consulenze definite "inutili" e "ripetitive" per valutare un'ipotesi di fusione con un altro istituto di credito.

Fondamentale nella ricostruzione dei fatti la deposizione di Carmelo Barbagallo, all'epoca dei fatti ispettore di Banca d'Italia oggi presidente dell'Autorità di Supervisione e Informazione Finanziaria del Vaticano.

Secondo Barbagallo, "il concetto di aggregazione espresso da Banca d'Italia era incompatibile con quello di mantenimento dell'autonomia che invece voleva il cda di Banca Etruria". Si torna in aula il 17 marzo, quando verranno sentiti gli imputati, in tutto 14. Tra loro anche Pierluigi Boschi.


980x280 ArezzoTV Spazio