Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Scomparsa Sassoli. A Renzino (Ar) aveva detto: "rigore affinché la campagna vaccinale vada avanti" Scomparsa Sassoli. A Renzino (Ar) aveva detto: "rigore affinché la campagna vaccinale vada avanti" Scomparsa Sassoli. A Renzino (Ar) aveva detto:

“Simbolo dell'Europa e della buona politica”.
Così Francesco Ruscelli, Segretario provinciale Pd Arezzo, ricorda David Sassoli, scomparso all'età di 65 anni.
Presidente del Parlamento europeo, giornalista, politico.
L'ultima visita in terra aretina lo scorso agosto al circolo Renzino in occasione della campagna elettorale di Enrico Letta.
“Il green pass è stato molto importante per l'Unione Europea – aveva detto Sassoli ai nostri microfoni – ha consentito di non chiudere le frontiere. Io credo che adesso ci debba essere rigore affinché il processo di vaccinazione vada avanti.”
Sei mesi fa, era stato colpito da una polmonite causata dalla legionella: ma si era ripreso bene, e aveva girato un video per smentire qualunque legame tra la malattia e il Covid, o il vaccino.
Prima di Natale la ricaduta e la disfunzione, fatale, del sistema immunitario.
“Da te abbiamo imparato molte cose – prosegue Ruscelli - una nuova e necessaria visione dell'Europa, un modello di azione politica basato sulla razionalità e sulla passione, sul confronto e sulla disponibilità a cambiare, sulla politica intesa come contatto con le persone e capacità di rispondere ai loro bisogni, iniziando da quelle più deboli. Niente torri d'avorio, ma una costante presenza in mezzo alla gente.”


Sostieni ArezzoTV

980x280 ArezzoTV Spazio