Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Dopo il rave i riflettori si accendono sull'ex Fontemura. Oggi sopralluogo dei Forestali Dopo il rave i riflettori si accendono sull'ex Fontemura. Oggi sopralluogo dei Forestali Dopo il rave i riflettori si accendono sull'ex Fontemura. Oggi sopralluogo dei Forestali

Sono oltre 500 i giovani identificati, tra i partecipanti del rave all'Alpe di Poti il giorno di Capodanno. Tra loro ci sarebbero anche gli organizzatori dell'evento.

Le possibili ipotesi di reato di cui i partecipanti sarebbero accusati sono ora al vaglio della Digos, della Squadra Mobile e le forze dell'ordine. Potrebbe scattare una denuncia per occupazione abusiva di terreni ed edifici e sicuramente si è configurata la violazione della normativa anti Covid.


"La vicenda è stata gestita molto bene dalle forze dell'ordine - commenta il prefetto Maddalena De Luca -. adesso partiranno le denunce e la vicenda farà il suo percorso sia in sede penale che amministrativa. Quella notte è stato interrotto il flusso di giovani che andavano nel luogo del rave ed è stata impedita una ulteriore ondata di arrivi. La situazione è stata contenuta molto bene e ringrazio tutte forze dell'ordine, i vigili del fuoco e i soccorritori dell'emergenza urgenza di Arezzo".


Intanto dopo un sopralluogo da parte dei Carabinieri Forestali ed il successivo contatto con l'Ufficio ambiente del comune di Arezzo, nelle prossime ore l'amministrazione comunale ripulirà l'area circostante l'ex stabilimento Fontemura dall'immondizia.
Una goccia nel mare in quella che ad oggi rimane una delle più grandi ferite per Arezzo.


980x280 ArezzoTV Spazio