Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

L'Anac, l'Autorità nazionale anticorruzione, ha confermato quanto sostenevamo da tempo ed ha giudicato inconferibile l'incarico di Presidente di Estra a  Francesco Macrì. Essendo allora consigliere comunale di Arezzo, non avrebbe potuto assumere questa carica se non dopo due anni dalle dimissioni da consigliere. Non l'ha fatto ed è invece passato immediatamente da un ruolo all'altro. Della vicenda si è occupata la Procura di Arezzo e adesso è argomento del Tribunale di Arezzo dove si sta svolgendo il processo.

Lasciando alla magistratura il compito di una valutazione sotto il profilo penale, non possiamo che evidenziare la necessità, logica e politica, delle dimissioni di Francesco Macrì da Presidente di Estra. Questa situazione di incertezza che si sviluppa tra Tribunale di Arezzo e Anac di Roma, rischia di produrre danni evidenti ad Estra di cui Coingas è socia. E attraverso Coingas, il Comune di Arezzo. Senza dimenticare che esiste una questione morale e di trasparenza che, a nostro parere, viene addirittura prima delle altre.


Sostieni ArezzoTV

980x280 ArezzoTV Spazio