Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Incendio alla galvanica Formelli. Parla l'azienda. Marzotto: "messo in sicurezza il corso d'acqua" Incendio alla galvanica Formelli. Parla l'azienda. Marzotto: "messo in sicurezza il corso d'acqua" Incendio alla galvanica Formelli. Parla l'azienda. Marzotto:

“Abbiamo immediatamente messo in sicurezza il corso d'acqua attiguo al nostro stabilimento”. A parlare è Matteo Marzotto, presidente della Galvanica Formelli, azienda aretina che poche ore fa è stata interessata da un vasto incendio che ha causato ingenti danni. L'incendio sviluppatesi intorno alle 16:00 di ieri, in pochi minuti ha aggredito un'ala dell'azienda, bruciando gli interni, le apparecchiature da lavoro, il tetto del capannone che si trova in via Achille Grandi in una zona industriale alle porte della città. Una densa colonna di fumo nero si è alzata in cielo, visibile a chilometri di distanza e nel corso d'acqua adiacente, il torrente Sellina, c'è stato uno sversamento che è stato arginato grazie a degli sbarramenti. “Abbiamo eretto due barriere a monte ed a valle del corso d'acqua – ha detto Marzotto all'AGI - questo ha impedito ai liquidi di espandersi ulteriormente e li abbiamo arginati in circa 200 metri di tratto lineare del corso d'acqua. Adesso termineremo l'aspirazione con delle pompe del materiale.” Intanto in serata arriva una nota ufficiale del comune di Arezzo che seguendo le indicazioni della azienda sanitaria “raccomanda per le abitazioni vicine all'incendio, di limitare la stazionamento delle persone nelle pertinenze esterne e l'apertura delle finestre delle abitazioni, non consumare verdure e ortaggi coltivati in loco, non utilizzare l'acqua dei pozzi, lavare accuratamente le ciotole degli animali tenute all'esterno, tenere per quanto possibile gli animali in ambiente chiuso, non stendere i panni fuori dalle abitazioni e lavare di nuovo quelli esposti ai fumi dell'incendio.” Sono in atto ulteriori accertamenti analitici sulle acque e sulle possibili ricadute di fumi e gas sprigionatisi.


Sostieni ArezzoTV

980x280 ArezzoTV Spazio