Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Uno sviluppo digitale per i servizi pubblici e quelli privati online, per gettare le basi di una Identità Digitale comunitaria. È questa la proposta dell’Unione Europea, che lancia così uno strumento creato proprio per definire uno standard di accesso e sicurezza a livello europeo nell'identificazione online degli individui, ma non solo, anche nella fornitura di servizi a distanza e nelle transazioni digitali. Un’identità digitale che sarà come un portafoglio virtuale, che permetterà al singolo cittadino di accedere ai diversi servizi in modo rapido, trasparente e smart.

Le caratteristiche principali sono tre. La prima è quella della disponibilità e non obbligatorietà: ogni persona quindi avrà la libertà di scegliere se utilizzare o meno l’eID (identità digitale europea). La seconda caratteristica è la possibilità di usare l’eID su larga scala, per un gran numero di servizi pubblici e privati. Infine la possibilità di controllo da parte degli utenti, nel pieno rispetto della privacy.

Un’innovazione che gioverà a tanti settori. Primo tra tutti quello del gambling, come conferma ItalCasino.net. All’interno di un articolo sull’impatto dell’Eid sul gioco online, la redazione del sito ha evidenziato come l’integrazione dell’identità digitale comunitaria consentirebbe agli operatori che offrono servizi di gioco a distanza di ridurre in modo drastico costi e tempi di gestione, proteggendo in maniera più ampia tutti i giocatori.

L’eID comporterebbe in primo luogo metodi di verifica standardizzati, semplificando i controlli sull’identità dei clienti e salvaguardando i minori, a cui sarà impossibile eludere i controlli. In questa maniera si metterà un freno anche al gioco legale: il sistema eID sarà infatti reso disponibile solo per gli operatori in possesso di legale licenza comunitaria. In questa maniera si potranno ridurre le frodi e il riciclaggio di denaro.

Cosa cambierà invece per i giocatori? Niente di trascendentale. Una verifica immediata dell’identità, innanzitutto. Se adesso il processo è lentissimo (dopo l'iscrizione a un servizio di gioco l'utente dovrà fotografare il proprio documento di identità, inviare le foto al servizio clienti secondo modalità specifiche per ogni operatore e attendere la verifica, automatica o manuale) con l'uso dell'eID ci sarà verifica immediata, come avviene in Italia con lo SPID. Ci saranno inoltre maggiore sicurezza nelle transazioni economiche, più garanzie per il passaggio di denaro digitale e un amento della protezione degli accessi, con tutte le piattaforme che dovranno fare a meno del login tradizionale per un sistema più affidabile e sicuro.

Insomma, il gioco del futuro sta per arrivare. Prima però sarà il tempo dell’identità digitale europea.


Sostieni ArezzoTV