Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Di seguito la nota del presidente dell'Opi Giovanni Grasso. 

"Il Consiglio Direttivo dell’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Arezzo, nella seduta del 9 settembre, preso atto della comunicazione ricevuta da parte del Dipartimento di Prevenzione della AUSL Toscana Sud Est , vista l’inosservanza dell’obbligo vaccinale,così come sancito dall’art. 4 del D.L. n. 44/2021 convertito in L. n. 76/2021, ha dichiarato la sospensione temporanea dall’Albo per 11 infermieri iscritti.

Tale sospensione mantiene la Sua efficacia fino all’assolvimento dell’obbligo vaccinale, da comunicare a cura dell’interessato alla ASL ai fini della revoca della sospensione e, comunque, non oltre il 31 dicembre 2021, così come previsto dall’art. 4 del D.L. n. 44/2021 c. 9 convertito in L. n. 76/2021, salvo proroghe.
Viene messo in pratica ciò che viene stabilito :

nell’art. 4 c. 1 del DL 44/21 : “In considerazione della situazione di emergenza epidemiologica da SARS-CoV-2, fino alla completa attuazione del piano di cui all'articolo 1, comma 457, della legge 30 dicembre 2020, n. 178, e comunque non oltre il 31 dicembre 2021, al fine di tutelare la salute pubblica e mantenere adeguate condizioni di sicurezza nell'erogazione delle prestazioni di cura e assistenza, gli esercenti le professioni sanitarie e gli operatori di interesse sanitario che svolgono la loro attività nelle strutture sanitarie, sociosanitarie e socio-assistenziali, pubbliche e private, nelle farmacie, parafarmacie e negli studi professionali sono obbligati a sottoporsi a vaccinazione gratuita per la prevenzione dell'infezione da SARS-CoV-2. La vaccinazione costituisce requisito essenziale per l'esercizio della professione e per lo svolgimento delle prestazioni lavorative rese dai soggetti obbligati”.

nell’art. 4 c. 6 del DL 44/21 “l'azienda sanitaria locale competente accerta l'inosservanza dell'obbligo vaccinale e, previa acquisizione delle ulteriori eventuali informazioni presso le autorità competenti, ne dà immediata comunicazione scritta all'interessato, al datore di lavoro e all'Ordine professionale di appartenenza. L'adozione dell'atto di accertamento da parte dell'azienda sanitaria locale determina la sospensione dal diritto di svolgere prestazioni o mansioni che implicano contatti interpersonali o comportano, in qualsiasi altra forma, il rischio di diffusione del contagio da SARS-CoV-2”

nell’art. 4 c. 7 del DL 44/21 “La sospensione di cui al comma 6, è comunicata immediatamente all'interessato dall'Ordine professionale di appartenenza”

La nostra preoccupazione è che queste sospensioni abbiano una ricaduta sulla qualità dei servizi qualora non venisse reintegrato con personale in numero adeguato. Chiediamo di procedere quanto prima alla chiamata di personale idoneo dalle graduatorie ESTAR, dei colleghi che hanno vinto il concorso pubblico."


Sostieni ArezzoTV