Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Un colpo pesante allo spaccio di droga ad Arezzo quello assestato dai carabinieri che hanno sequestrato 60 chili di hashish. "In un solo colpo sono stati eliminati dal mercato 60 chili di hashish che, con la possibilità di realizzarne parecchie decine di migliaia di dosi al dettaglio – fanno sapere i militari - avrebbero potuto fruttare ai trafficanti ricavi per oltre 500mila euro".

L'operazione si è concretizzata in poco tempo. Durante uno dei quotidiani servizi di controllo del territorio intorno alle 21:30 in zona Pescaiola un’auto alla vista dei carabinieri effettua un repentino cambio di marcia ed imbocca una traversa laterale.

I carabinieri partono all'inseguimento e si accorgono che dall’interno dell’abitacolo viene lanciata oltre una recinzione una scatola di cartone.

L'auto viene così raggiunta e viene fermato uno degli occupanti, un 40enne di origini albanesi.

Viene recuperata anche la scatola di cartone, al suo interno 5 involucri, ognuno del peso di un chilo contenenti 50 panetti di hashish da 100 grammi ciascuno per un peso complessivo di 5 chili.

La perquisizione di un capannone che era in uso al 40enne porta poi al rinvenimento di ben altro quantitativo di droga. In un ufficio in disuso c'erano altri 55 chilogrammi di hashish, per un totale quindi di 60 Kg. L’uomo è stato condotto alla casa circondariale di Arezzo. Dovrà rispondere del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.


Sostieni ArezzoTV