Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Partita solidale tra infermieri e Fondazione Meoni. A Castiglion Fiorentino vince la solidarietà. Partita solidale tra infermieri e Fondazione Meoni. A Castiglion Fiorentino vince la solidarietà. Partita solidale tra infermieri e Fondazione Meoni. A Castiglion Fiorentino vince la solidarietà.

È ufficialmente partita la maratona per la25/ma edizione del Premio Internazionale Fair Play Menarini. A dare il via alla tre giorni è stata, ieri pomeriggio a Castiglion Fiorentino , la partita di beneficenza 'Match For Life', organizzata a sostegno dei progetti umanitari della Fondazione Fabrizio Meoni Onlus in Senegal. Un taglio del nastro all'insegna della solidarietà, che ha visto in campo due formazioni di tutto rispetto. Capitanata dall'ex ciclista Daniele Bennati, il team della Selezione Meoni ha potuto contare sull'adesione di personaggi del mondo dello sport e dello spettacolo del calibro di Massimiliano Benassi, Ivan Basso, Dj Ringo, Paolo Bettini, Rinaldo Nocentini, Davide Moscardelli, Michele Bartoli, Marco Sansonetti, Davide Cassani, Filippo Pozzato, Stefano Butti, Fabrizio Ravanelli. Forte dell'aiuto di Sinisa Mihajlovic, commissario tecnico della formazione, a scendere in campo per il suo primo impegno ufficiale, è stata anche la Nazionale Italiana Infermieri della Fnopi, che rappresenta in Italia gli oltre 456mila iscritti all'Ordine, da un anno e mezzo impegnati in prima linea contro il Covid 19. "Gli infermieri - spiega il capitano della Nazionale Italiana Infermieri, Daiana Campani - sono campioni nel lavorare in team e giocare una partita di calcio è un modo diverso e divertente di fare squadra e di condividere i nostri valori professionali e umani, portandoci più vicini alle persone al di fuori dei luoghi tradizionali di cura". "Il calcio è spesso veicolo di messaggi importanti e, in questo caso, è bello vedere tanti campioni e personaggi dello spettacolo unirsi per una giusta causa - aggiunge Fabrizio Ravanelli, oggi allenatore della Fondazione Meoni - Per tutti noi, è anche un onore poter scendere in campo contro un avversario nobile come la Nazionale Infermieri, una categoria simbolo della lotta alla pandemia, alla quale non possiamo altro che esprimere i nostri ringraziamenti". (ANSA).


Sostieni ArezzoTV