Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

“Prada ha inviato una lettera a tutti i dipendenti nella quale afferma di subordinare l'accesso dei dipendenti ai locali aziendali alla vaccinazione (almeno prima dose) o al certificato di guarigione Covid da almeno 6 mesi oppure all'effettuazione del tampone.

Filctem Cgil e Femca Cisl riaffermano una valutazione preliminare: condizione essenziale della ripresa del Paese è la vaccinazione di massa che non può non vedere sedi privilegiati i luoghi di lavoro. Dipendenti e sindacati sono quindi in prima fila nel sostenere la massima diffusione della vaccinazione. Ovviamente siamo convinti che ognuno debba fare la sua parte senza però sostituirsi ad altri soggetti, in primo luogo quelli istituzionali.

Filctem Cgil e Femca Cisl sosterranno la promozione delle vaccinazioni presso gli iscritti e i lavoratori ma ritengono che l'accesso al lavoro in base al green pass debba essere regolamentato per legge. Non è infatti possibile che questo delicato tema sia affidato discrezionalmente ad ogni singola azienda. Il sindacato si farà garante della piena applicazione delle normative, senza

discriminazione alcuna dei lavoratori.

Le organizzazioni sindacali non condividono né il metodo né la forma del comunicato aziendale e si riservano di valutare nei prossimi giorni eventuali iniziative.”

 			

Sostieni ArezzoTV