Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

La prossima settimana sarà sicuramente quella del grande rientro al lavoro per la maggior parte delle aziende. L'azienda madre per tutti gli aretini, se si parla di produzione orafa, la Unoaerre si è preparata a questo rientro con il rispetto di tutte le normative Covid, stavolta qualcuna in più. Il green pass che ormai fa parte della vita sociale di molti italiani, entrerà infatti anche nel mondo del lavoro passando per il momento dalle mense aziendali.

“Dobbiamo rispettare le regole – afferma l'A.D. Di Unoaerre Luca Benvenuti – la nostra mensa è gestita da un soggetto esterno e saranno loro a richiedere il green pass.”

La precisazione del governo in merito alla certificazione verde era giunta alla vigilia di Ferragosto a seguito degli accesi contrasti sulle mense aziendali e sul fatto di poterle o meno assimilare ai ristoranti in merito alle normative Covid.

Il 14 agosto l'esecutivo ha chiarito che «per la consumazione al tavolo al chiuso i lavoratori possono accedere nella mensa aziendale o nei locali adibiti alla somministrazione di servizi di ristorazione ai dipendenti, solo se muniti di certificazione verde Covid-19, analogamente a quanto avviene nei ristoranti».

L'obbligo introdotto dal decreto legge numero 105 del 23 luglio 2021, pertanto si deve applicare, secondo l'interpretazione governativa, non soltanto ai clienti dei ristoranti, ma anche ai dipendenti che consumino un pasto nella mensa aziendale.

“Per i nostri dipendenti – aggiunge Benvenuti – abbiamo messo a disposizione a partire da lunedì 23 agosto tamponi gratuiti per tutti coloro che ne avranno la necessità. Una iniziativa totalmente a carico dell'azienda. Un modo per agevolare il rispetto delle normative anti covid anche per coloro che non sono vaccinati o che non hanno ancora disponibile il green pass.”

Foto: Romatoday