Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Aggressione omofoba ad Arezzo. Vittima un giovane ragazzo “queer” che in pieno centro città alle 21:30 di sabato scorso è stato offeso e malmenato. A denunciare quanto accaduto è la presidente di Chimera Arcobaleno Arcigay Arezzo, Veronica Vasarri.

“Sabato sera – scrive la presidente sul profilo social dell'associazione – un ragazzo queer mentre camminava in pieno centro ha prima subito un'aggressione verbale con minacce ed insulti, poi senza nemmeno il tempo di difendersi ha subito due colpi in pieno volto.” L'aggressore è stato immediatamente individuato dalle forze dell'ordine e denunciato. E' tanta la rabbia da parte del mondo LGBT che fatti di questo genere accadano ancora. La stessa presidente fa riferimento al vivace dibattito sul DDL Zan, il disegno di legge contro l’omotransfobia che introdurrebbe pene più severe per questo tipo di reati. “Per quanto ancora continuerete a dirci – afferma Veronica Vasarri - che non servono norme per la prevenzione di episodi come questo e per l'educazione al rispetto?”. Il disegno di legge Zan approderà adesso al Senato per la discussione generale.


Sostieni ArezzoTV