Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Arezzo ancora senza Hospice. Maurizi: "Una presa in giro per gli aretini". La Asl: "i tempi li decide la legge" Arezzo ancora senza Hospice. Maurizi: "Una presa in giro per gli aretini". La Asl: "i tempi li decide la legge" Arezzo ancora senza Hospice. Maurizi:

"E' una vera presa in giro per tutti gli aretini". L'ex direttore delle cure palliative dell'ospedale San Donato di Arezzo, Pierdomenico Maurizi, non fa sconti a nessuno. L'Hospice ad Arezzo non ha ancora una sede. In questo momento i posti letto sono stati messi a disposizione nella clinica San Giuseppe, l'ipotesi ormai in piedi dallo scorso aprile è quella di traferire la sede provvisoria all'Istituto di Agazzi, ma ancora nulla. In un comunicato stampa delle ultime ore, l'azienda sanitaria afferma che questo avverrà a breve. La soluzione definitiva, invece, proposta dalla Asl è la costruzione di una palazzina ex novo nell’area del Pionta che richiede circa 3 anni di tempo. "Sono i tempi che detta la legge", afferma l'azienda in una nota ufficiale. Nel 2017 l'Hospice trovò casa in quella che per gli aretini è la palazzina Calcit, dove oggi c'è il servizio di senologia. Secondo Maurizi, la soluzione più logica e meno dispendiosa, sarebbe quella di riportare all'interno del San Donato il centro oncologico e l'Hospice nella palazzina Calcit. "Sono soldi che gli aretini sia con le loro tasse che con le loro donazioni -afferma Maurizi - hanno già speso." Anche la politica è compatta nel dire questi tempi sono inaccettabili. Dal vice sindaco di Arezzo Lucia Tanti a Marco Donati di Scelgo Arezzo a Marco Casucci della Lega Nord. Gli stessi consiglieri regionali del Pd Vincenzo Ceccarelli e Lucia De Robertis che ad aprile annunciavano i 7 posti ad Agazzi entro il mese di maggio oggi denunciano ritardi per l'attivazione della sede provvisoria, ma comprendono i tempi tecnici per quella definitiva.


Sostieni ArezzoTV