Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

"Obiettivo Acqua". Da San Giovanni il concorso fotografico con protagonista l'Arno "Obiettivo Acqua". Da San Giovanni il concorso fotografico con protagonista l'Arno

Obiettivo Acqua: l’invito a immortalare l’Arno e i suoi affluenti, partecipando al concorso fotografico nazionale, promosso da ANBI, associazione dei consorzi per la gestione e la tutela del territorio e delle acque irrigue, a cui l’ente aderisce, Coldiretti e Fondazione Univerde, parte da San Giovanni Valdarno, un territorio dove il fiume è parte integrante del tessuto urbano e della sua comunità.
Lo spiega la Presidente del Consorzio Serena Stefani, insieme al sindaco della città Valentina Vadi; al segretario di zona di Coldiretti Arezzo, Alberto Fattorini; al Segretario del Fotoclub Il Palazzaccio Mario Lanini, parlando proprio dalle sponde del fiume.
“In questo territorio dove la passione per la fotografia è diffusa e l’amore per il fiume grande lancio l’invito a far conoscere l’Arno e i suoi affluenti anche fuori dai confini territoriali, inviando gli scatti più significativi e particolari al concorso nazionale Obiettivo Acqua. Per farlo c’è tempo fino al 26 ottobre. Le modalità sono semplici e chiaramente illustrate sul sito www.obiettivoacqua.it. I partecipanti che intendono candidare le loro immagini possono farlo al seguente link https://www.obiettivoacqua.it/partecipa-al-concorso/. L’iniziativa è arrivata alla sua terza edizione: è il momento di far conoscere e valorizzare anche le “acque” di Toscana e, con esse, quelle del comprensorio dell’Alto Valdarno, grazie all’abilità, alla tecnica e alla sensibilità dei numerosi fotografi che, quotidianamente, come vediamo dai post pubblicati sui social, rendono i fiumi protagonisti del loro obiettivo”, dice la Presidente Stefani.
“L’Arno a San Giovanni – sottolinea il sindaco Valentina Vadi – ha, storicamente, un’importanza fondamentale perché è parte integrante della città. A differenza di altri comuni limitrofi, la attraversa dividendola in due. Il fiume corre parallelo a Corso Italia offrendo l’alternativa naturale alla passeggiata nel centro storico. E oggi, grazie anche agli interventi di valorizzazione che l’Amministrazione sta portando avanti, l’Arno si è ripopolato, le persone possono di nuovo vivere quest’area a cui sono molto affezionate”.
“L’associazione Fotoclub il Palazzaccio di San Giovanni Valdarno – spiega il segretario Mario Lanini – da oltre 30 anni accoglie il contributo di fotoamatori e professionisti ed è impegnata nella divulgazione della cultura fotografica nel nostro territorio. Nel corso della nostra storia abbiamo raccolto una notevole documentazione fotografica: tante sono le foto dell’archivio storico che testimoniano il legame tra fiume e comunità, legame che tuttora emerge nelle fotografie di tanti appassionati che scelgono l’Arno non solo come sfondo, ma anche come protagonista di numerosi scatti. Il fiume è davvero parte integrante del tessuto urbano e della sua comunità. Siamo dunque onorati di promuovere assieme all’Amministrazione Comunale e al Consorzio di Bonifica il concorso fotografico nazionale Obiettivo Acqua, rivolto a tutti coloro che vorranno immortalare il fiume in tutti i suoi aspetti. Ci aspettiamo di vedere immagini di alto livello paesaggistico, naturalistico, ma non solo: proprio per la sua importanza antropologico-culturale ci aspettiamo di vedere anche scatti che immortalino il legame tra la comunità e il suo Fiume. Spazio dunque al talento di coloro che vorranno partecipare e fornirci la propria personale visione”.
“Il concorso nazionale è co-organizzato da Coldiretti. La nostra organizzazione infatti ritiene strategico il ruolo svolto dall’ambiente fluviale, per l’economia e il territorio. I fiumi contribuiscono a disegnare l’unicità dei paesaggi, sono serbatoio di biodiversità e motore delle attività umane a cominciare dall’agricoltura, impegnata sempre più a trovare un giusto e corretto equilibrio con l’ambiente circostante”, spiega il segretario di zona di Coldiretti Arezzo, Alberto Fattorini.