Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

La Casa di Riposo “Fossombroni” si prepara a riaprire le porte alle visite La Casa di Riposo “Fossombroni” si prepara a riaprire le porte alle visite La Casa di Riposo “Fossombroni” si prepara a riaprire le porte alle visite

La Casa di Riposo “Fossombroni” si sta preparando ad aprire nuovamente le proprie porte ai familiari dei residenti. In seguito all’ordinanza del Ministero della Salute di sabato 8 maggio recante le modalità di apertura ai parenti degli ospiti e in attesa che questa venga recepita e disciplinata dalle singole Regioni, lo storico istituto cittadino ha investito per implementare il numero degli ambienti a disposizione delle visite per farsi trovare preparato a questa importante ripartenza affettiva e relazionale.

Il primo luogo destinato agli incontri resterà il gazebo nel giardino esterno che, già attivato nell’estate del 2020, tornerà nuovamente ad essere utilizzato e che sarà affiancato da un secondo spazio allestito all’aperto nel cortile interno della Casa Pia. Il terzo ambiente sarà invece interno alla struttura in una stanza esclusivamente dedicata allo svolgimento delle visite anche in caso di maltempo: la realizzazione di questo spazio è stata possibile in virtù del prezioso contributo del pilota del Team Rossi 4x4 Stefano Rossi e del padre Roberto Rossi.

Le visite verranno scandite attraverso un’attenta programmazione volta a contingentare gli ingressi e a garantire l’incontro periodico e continuativo dei familiari in sicurezza. Tutto ciò sarà reso possibile attraverso gli ordinari “access point” dove verranno accertati i requisiti di prevenzione e illustrati percorsi e modalità di permanenza in struttura, richiedendo inoltre l’esibizione del “green pass” che documenti l’avvenuta vaccinazione, la guarigione dal Covid19 o l’effettuazione del tampone come da normativa cogente.


Sostieni ArezzoTV