Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Netflix, Prime Video e Disney+ sono i nomi più pesanti nell’arena dello streaming e stanno lentamente trovando un posizionamento diverso e originale per dominare l'una sulle altre. Si differenziano soprattutto sull’ampiezza del catalogo e dalle esclusive prodotte.

In particolare, ciascuna piattaforma cerca di rimanere un passo in avanti sull’altra, da una parte Disney+ ha ampliato il suo catalogo con la nuova sezione STAR, Amazon ha concluso l’accordo per il triennio 2021-2024 per poter mostrare in esclusiva alcune partite di UEFA Champions League. A Livello calcistico rimane ancora in piedi l’ipotesi per vedere la Serie A interamente su Dazn.

In poche parole si sta andando incontro ad una sostituzione dei mezzi di intrattenimento. La situazione pandemica globale non ha fatto altro che velocizzare questo processo, in parte perché dovendo rimanere a casa si ha a disposizione molto più tempo del normale, e in parte anche dovuto dalle chiusure temporanee dei cinema. Se i cinema sono chiusi, non vuol dire che l’industria del cinema non continui a lavorare, cambia il metodo di trasmissione.

Però il settore del cinema comunque è stato fortemente danneggiato dai recenti lockdown: il 95% delle sale italiane sono state chiuse nel 2020 per quasi sei mesi. E pensare che nei primi due mesi del 2020, prima della pandemia Coronavirus, c'era stato un aumento del 20% tra incassi e pubblico rispetto al 2019. Da qui sono nate iniziative particolari, come #iorestoinsala che permetteva di vedere il film come se si fosse in sala, seduto comodamente sul divano di casa. Si pagava il biglietto sul sito del cinema, e in questo modo ti veniva fornito il link relativo al film da guardare.

Lo streaming non passa solo dai video, ma anche dal lato musicale. In questo settore Spotify rappresenta il principale leader, seguito da Amazon Music, Apple Music, Tidal, Deezer e l’ultima arrivata YouTube Music. Alcune di queste piattaforme forniscono il servizio in abbonamento, altre invece forniscono il servizio gratuitamente, lasciando qualche privilegio per una versione premium.

Se si desidera passare il tempo libero in modo diverso da tentare la fortuna sulle piattaforme di gioco online come Betwin 360 o altri, la visione di film o l’ascolto di musica in streaming è un ottimo modo per passare qualche ora di relax.


Sostieni ArezzoTV