Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Riceviamo e pubblichiamo una lettera inviata dal "comitato priorità alla scuola" al sindaco di Arezzo Alessantdro Ghinelli ed al vice sindaco e assessore alla scuola Lucia Tantii. 

"Egregio Sindaco Ghinelli

poiché siamo convinti, anche come COMITATO PRIORITÀ ALLA SCUOLA dell’importanza dell’insegnamento in PRESENZA per la crescita di bambini e ragazzi, Le chiediamo di fare in modo che la scuola, RIAPRA e poi sia caso mai l’ULTIMA attività a chiudere.

Abbiamo potuto rilevare tutti e tutte che l'unico reale inasprimento delle misure previste dall'ultimo DPCM riguarda la scuola. Non è eticamente accettabile, né politicamente lungimirante, serrare le scuole mentre la grande maggioranza delle altre attività (sia produttive che commerciali) restano aperte. Stanno riaprendo addirittura PALESTRE al chiuso, con tessere agonistiche, perché così è permesso!

Rimandare totalmente in DAD studenti e studentesse delle superiori, passare in DAD ragazzi, ragazze e bambini, bambine delle scuole medie e elementari NON significa tenere aperte le scuole, ma approfondire danni e disuguaglianze che nessuno sa più come potranno essere risarciti; significa infierire ulteriormente sui minori che in questo anno hanno già pagato a caro prezzo la gestione della pandemia. Soprattutto per i bimbi delle elementari, stare davanti ad un video è molto difficile e anche dannoso.

Venga tenuto nella giusta considerazione anche il fatto che a oggi hanno ricevuto le dosi iniziali di vaccino già trentamila docenti e lavoratori-trici del mondo della scuola, cosa che rende le scuole ancora più sicure rispetto ad altri ambienti di lavoro, anche nel ns Comune!

La scuola NON deve chiudere se non per comprovati dati scientifici (approvati e riconosciuti), così come affermato nelle sedi di giustizia amministrativa. A tal proposito si vedano le recenti pronunce del TAR LAZIO del 26 Febbraio u. s. e del Consiglio di Stato. Se così non fosse chiudere le scuole sarebbe inammissibile e costituzionalmente illegittimo.
La scuola DEVE RIAPRE!!!

Ci vogliamo auspicare che, anche come Comitato Priorità Alla Scuola, porti presso il Ceps la volontà di riaprire da lunedì!". 

Lo stesso comitato ha letteralmente bombardato la mail di Eugenio Giani per chiedere di non fare la scelta della "Dad al 100%". 


Sostieni ArezzoTV