Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Si è conclusa alle 11:00 circa presso il Tribunale di Arezzo l'udienza davanti al Gup Fabio Lombardo per Fredy Pacini, il gommista che uccise due anni fa il ladro che era entrato nella sua officina di Monte San Savino, in provincia di Arezzo.

Il giudice si è riservato.

La sorella del moldavo, Vitalie Mircea Tonjoc 29 anni, ha chiesto di uscire dal processo, rinunciando a partecipare al procedimento nel quale era parte offesa. Era stata proprio la donna, assistita dall’avvocato Alessandro Cristofori di Bologna, a chiedere ed ottenere la riapertura del caso.
La procura aveva già chiesto l’archiviazione a novembre, rigettata dal giudice che aveva chiesto ulteriori chiarimenti.
Oggi il procuratore Roberto Rossi (che ha ereditato il fascicolo del sostituto Andrea Claudiani) aveva di nuovo chiesto l'archiviazione in quanto, secondo la tesi della procura, il gesto di Pacini può essere classificato come “legittima difesa putativa”.

Fredy visibilmente provato ha detto ai giornalisti “attendo questa decisione da oltre due anni, sono fiducioso." La sua attesa non è dunque ancora terminata.


Sostieni ArezzoTV