Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Vaccino anti Covid: si riaprono le agende di prenotazione in Toscana Vaccino anti Covid: si riaprono le agende di prenotazione in Toscana Vaccino anti Covid: si riaprono le agende di prenotazione in Toscana

Si riaprono oggi, 4 febbraio, le agende per prenotare il vaccino anti Covid, destinato agli operatori sanitari e sociosanitari degli ospedali e delle rsa, alle strutture territoriali pubbliche, al privato accreditato, ai medici di medicina generale e ai pediatri di libera scelta, sempre che abbiano già effettuato la pre-adesione: tutte categorie, queste, coinvolte nella fase 1.

L’ultima fornitura di 31.590 dosi di vaccino di produzione Pfizer-BioNTech è stata, infatti, consegnata lo scorso 2 febbraio, consegna che ha consentito di riaprire le agende della fase 1 per la prenotazione delle prime somministrazioni del vaccino Pfizer, mentre continuano regolarmente le somministrazioni dei richiami.

E mentre prosegue la fase uno della campagna vaccinale la Regione è al lavoro per avviare anche le fasi successive, che dovrebbero partire a metà febbraio.
La vaccinazione degli over 80, con Pfizer-Biontech, dovrebbe essere fatta, secondo quanto si apprende da fonti regionali, negli studi dei medici di medicina generale.

Le modalità dipenderanno dalla firma dell'accordo nazionale con la categoria.

Sempre a metà febbraio partirà anche la campagna vaccinale con Astrazeneca: i destinatari, tra i 18 e i 55 anni, sono i lavoratori della scuola, docenti e non docenti, delle forze armate e di polizia, il personale carcerario, i detenuti e i lavoratori di altri servizi essenziali. In questo caso la somministrazione dovrebbe avvenire nei 42 punti vaccinali già individuati sul territorio regionale.


Sostieni ArezzoTV

980x280 ArezzoTV Spazio